Testimoni di Geova - Cronologia del 1914

Lista di re persiani

index

homepage

mappa

 

CERCA NEL SITO   RICERCA AVANZATA CON GOOGLE

 

ARGOMENTI PRINCIPALI

NOTA:
*** it-1 p. 496 Ciro ***
Ciro succedette al padre Cambise I sul trono di Anzan, allora sotto l’egemonia di Astiage re di Media. Diodoro Siculo (del I secolo a.E.V.) pone l’inizio del regno di Ciro nel primo anno della 55a Olimpiade, cioè nel 560-559 a.E.V. Erodoto dice che Ciro si ribellò alla dominazione dei medi e, a motivo della defezione delle truppe di Astiage, riportò una facile vittoria e conquistò Ecbatana, capitale della Media. Secondo la Cronaca di Nabonedo, il re Ishtumegu (Astiage) “radunò le sue truppe e marciò contro Ciro, re di Anzan, per affron[tarlo in combattimento]. L’esercito di Ishtumegu [Astiage] si ribellò contro di lui e in ceppi con[segnarono lui] a Ciro”. (Ancient Near Eastern Texts, cit. p. 305) Ciro riuscì ad accattivarsi la lealtà dei medi, e da allora in poi medi e persiani combatterono uniti al suo comando. Negli anni seguenti Ciro si accinse a consolidare il suo dominio sulla parte occidentale dell’impero medo, raggiungendo il confine orientale del regno di Lidia presso il fiume Halys in Asia Minore.

*** it-2 p. 569 Persia, Persiani ***
L’espansione dell’impero medo-persiano. Come i medi, sembra che i persiani fossero dominati da diverse famiglie nobili. Da una di queste ebbe origine la dinastia degli Achemenidi, da cui discese il fondatore dell’impero persiano, Ciro il Grande. Ciro, che secondo Erodoto (I, 107, 108) e Senofonte (Ciropedia, I, ii, 1) era di padre persiano e di madre meda, unì i persiani sotto il suo comando. Fino a quel momento i medi avevano avuto il predominio sui persiani, ma Ciro riportò una rapida vittoria sul re medo Astiage e ne conquistò la capitale, Ecbatana ( 550 a .E.V.). (Cfr. Da 8:3, 20). L’impero medo passò così sotto l’egemonia dei persiani.

In effetti, nel -550 Ciro divenne il sovrano incontrastato anche dei Medi e tenne presso di sé il re deposto fino a che morì. Il regno di Ciassarre, padre di Astiage, resta in tal modo correttamente fissato tra il -625 e il -585.

Dal confronto tra la cronologia dei Medi e dei Persiani (andando a ritroso da Ciro II a Ciassarre, ovvero, dal 550 al 625 a .C.) e quella Neobabilonese proposta dalla WTS, il regno di Ciassarre risulta completamente a-sincronico rispetto a quello di Nabopolassar, a tal punto che i due non figurano più come compartecipi (come in realtà sono stati) alla distruzione di Ninive, distruzione che la WTS ha datato 632 a .C. anziché 612 a .C. Questo perché Ciassarre, nella cronologia della WTS, iniziò a regnare il 625 a .C., ovvero, SETTE ANNI DOPO la distruzione di Ninive, distruzione che avvenne nel -632 nel quadro cronologico della WTS. Leggiamo ancora un'affermazione della WTS:

*** it-1 pp. 233-234 Assiria ***
La caduta dell’impero. La cronaca babilonese B.M. (British Museum) 21901 narra la caduta di Ninive, capitale dell’Assiria, assediata dagli eserciti riuniti di Nabopolassar, re di Babilonia, e di Ciassare il Medo nel 14° anno del regno di Nabopolassar ( 632 a .E.V.): “La città [ridussero] in cumuli di rovine e mucc[hi (di detriti)]”. (Ancient Near Eastern Texts, a cura di J. B. Pritchard, 1974, p. 305). Così il feroce impero assiro giunse a un’ignominiosa fine. — Isa 10:12, 24-26; 23:13; 30:30-33; 31:8, 9; Na 3:1-19; Sof 2:13.

La parte del documento BM 21901 di questa citazione è evidentemente presa dalla famosa opera di Pritchard, Ancient Near Eastern Texts, Ovviamente la data 632 a .E.V., messa tra le parentesi ( ) nel brano riportato, non è quella che si legge nel testo di Pritchard, ma quella presunta dalla WTS. Ripetiamo, se si accettasse la data 632 a.C. per la distruzione di Ninive, dovremmo concludere che a tale evento Ciassarre non poté parteciparvi in quanto non era ancora diventato re dei Medi. Tale cronologia cozza contro le fonti storiche che su questo periodo sono abbondanti e sicure. Ecco, per esempio, che cosa riporta un'opera di consultazione:

ALCUNE NOTE STORICHE (Tratte dalla “Enciclopedia della Bibbia”- Elle Di Ci):

“… La cronaca babilonese parla della guerra del medo Ciassarre contro gli Assiri per quel che riguarda la cronologia, la tradizione trasmessa da Erodoto (1,106) assicura che Ciassarre regnò per quarant’anni. La sua partecipazione alla guerra contro l’Assiria e in special modo la conquista di Ninive nel 612, (…). Siccome la data dell’eclissi del sole cade nel 585-84, … Sembra che Ciassarre sia morto subito dopo aver concluso la pace, cioè nel 584 (Erodoto 1,106). Se si ammette che il suo regno sia durato quarant’anni, egli dovette salire al trono verso il 624; fu pertanto, coetaneo e fondatore della dinastia neobabilonese, Nabopolassar, e di suo figlio e successore Nabucodonosor." [Vol. 2 p. 338].

“Ultimo sovrano del regno della Media (585?-550) e figlio di Ciassarre. (…) Dopo aver regnato per lunghi anni, lottò per tre anni, dal 553, con Ciro, sino allora suo vassallo e re di Azan. Venne vinto e imprigionato dal monarca persiano nel 550 e rimase nelle sue mani sino alla sua morte” [idem Vol. 1 p.911].