Se ti piace questo sito, mettilo nei tuoi preferiti e pubblicizzalo nel tuo sito o spazio web. Puoi usare la gif col codice che trovi nella pagina Home page. Grazie.

Coco Rocha sexy model Testimone di Geova, le sorelle Williams ed altri VIPS tdG.

Milioni di persone sono ignare dell'opera di predicazione, ma "non c'è bisogno per noi di essere eccessivamente preoccupati"

 

'Testimonigeova' offre un'analisi accurata delle dottrine della Societa' Torre di Guardia della setta dei Testimoni di Geova (Watchtower) alla luce della Bibbia. Ricca documentazione storica e archeologica in rapporto alla dottrina 607-1914. Analisi dottrinale finalizzata ad un dialogo con gli interessati e a fornire delle informazioni corrette su questa setta. Un sito aggiornato e ricco di documenti storici e moderni.

Clicca per ingrandire l'immagine + video  + video 2

GLI SCOMUNICATI DI GEOVA.
Non possono più vedere i loro familiari, gli (ex) amici li evitano, non li salutano più. E c'è anche chi ha perso il lavoro. E' la sorte toccata a un gruppo di Testimoni di Geova che hanno deciso di lasciare la congregazione. Una colpa imperdonabile per gli adepti: la "disassociazione" è una sorta di scomuncia che trasforma queste persone in reietti. "E ora", racconta Giuliana Deias, "mio fratello", rimasto nella chiesa, non mi fa neanche più vedere miei nipoti".
I DISASSOCIATI. Ha lasciato la congregazione perchè ha avuto la fortuna di non ritrovarsi sola: all'interno della comunità iglesiente (circa 50 persone) non era l'unica a trovarsi a disagio. Alla fine, sono stati in 7 ad andarsene, il fratello Nicola e la sorella Deborah Deias, Simone Saba, Miriam e Stefania Zedda e Tiziana Invidia. Proprio a quest'ultima è capiata la sorte peggiore. "Lavoravo in nero, come badante di un anziano", dice, "quando ha saputo che lasciavo la chiesa mi ha licenziato, con le lacrime agli occhi". La regola è ferrea: non si possono avere rapporti sociali con i disassociati.
I RACCONTI. Eppure, quando si sta dentro, la cosa sembra quasi scontata. "Sono cresciuta", ricorda Giuliana Deias, "dando per scontato che tutto quello che facevo mi era richiesto da Dio. E poi era impossibile sapere qualcosa di diverso: frequentavo solo altri Testimoni di Geova, leggevo i testi del culto. Tutto il resto del mondo sembrava frutto di Satana". Ma un tarlo la rodeva. "Un giorno mi è capitato di leggere di un caso di pedofilia all'interno della chiesa a Firenze. Eppure, mi dicevano sempre che queste cose avvenivano solo fuori. Ho cominciato a informarmi, visitando siti on line sconsigliati dal culto. E, alla fine, ho deciso di uscire". Continua a leggere ...

In evidenza: Il 26 luglio è il "Memorial Day" delle vittime della Società Watchtower dei Testimoni di Geova, un giorno per ricordare in tutto il mondo le sofferenze che patiscono i familiari degli adepti che sono discriminati per le loro idee religiose e che non possono più avere con loro delle relazioni parentali, come imposto dalla Watchtower. (Apri la pagina)